• Current

Laboratorio Segnali di drammaturgia per le nuove generazioni

Ottobre 2022 - Marzo 2023

Come nuova azione per valorizzare e sostenere lo sviluppo della produzione drammaturgica del teatro per le nuove generazioni, il Festival Segnali, sotto la direzione artistica di Renata Coluccini e Giuditta Mingucci, propone un laboratorio di drammaturgia per la creazione di testi rivolti al pubblico giovane.

Un percorso pensato per dare una solida base di conoscenza dei meccanismi drammaturgici e riferimenti specifici alle metodologie di scrittura per il pubblico delle nuove generazioni.

Il corso prevede dieci incontri tenuti dalla drammaturga, scrittrice e sceneggiatrice Donatella Diamanti e due focus da due incontri ciascuno con Federica Iacobelli - autrice di diversi romanzi per ragazzi e editor -  e Bruno Stori, attore, autore e regista nonché socio fondatore del Teatro delle Briciole di Parma.

 

Programma

Corso di drammaturgia  - Donatella Diamanti 
(10 incontri da ottobre 2022 a maggio 2023 : 3 incontri in presenza a Milano, 7 incontri online)

L’idea è un seme. Prezioso. Ma un seme.

Nel nostro laboratorio impareremo a scegliere le strade possibili per farlo fiorire.

La drammaturgia – che sia rivolta alle giovani generazioni o meno - ha regole precise.

È a quelle che dedicheremo principalmente i nostri incontri, attraverso una serie di esercizi di

scrittura che ci consentiranno di incontrarle in maniera deduttiva.

Parleremo di narrazione e rappresentazione e dunque di diegesi e mimesi, senza aver paura dei

termini tecnici. Toccheremo con mano il potere che ci dà la pluricodicità della scrittura per la scena

e comprenderemo che un testo non è fatto di sole battute. Lavoreremo sulla costruzione del

personaggio e sulla differenza fra personaggio e funzione narrativa, fra parola scritta per essere letta

e parola scritta per essere pronunciata; sul dialogo come atto comunicativo; sul passaggio di

informazioni dalla scena alla platea; sui pericoli della retorica e della didascalicità.

Sull’idea, l’adattamento, lo spunto.

Scriveremo, scriveremo, scriveremo; butteremo via e ricominceremo da capo.

Con l’avvio del corso, apriremo insieme un vero e proprio ambulatorio, con orari di visita precisi a

cui i corsisti potranno rivolgersi per curare insieme i loro testi acciaccati, feriti, problematici.

 

Focus 1: Personaggi bambini nelle scritture teatrali - Federica Iacobelli 
(1 incontro a febbraio 1 a marzo- online) 

La presenza e la centralità del personaggio bambino, giovane, cucciolo, piccolo tra i grandi come tra gli altri piccoli, è uno degli elementi costanti nelle drammaturgie rivolte ai ragazzi. Ma, al di là e al di qua della destinazione di un testo teatrale, che a volte viaggia liberamente rispetto a eventuali intenzioni di partenza, il personaggio bambino rivela la visione d’infanzia dell’autore, del suo tempo e della sua cultura di provenienza. Ecco perché partirà da qui questo breve percorso di lettura, ascolto, riflessione, analisi, dialogo sulla scrittura teatrale e, in particolare, su quella d’infanzia: dalla scoperta o riscoperta di alcuni personaggi ‘piccoli’ che siano o siano stati centrali in opere provenienti da diverse epoche e culture e idee di teatro - per allargare lo sguardo alle intersezioni tra lo stile, i modelli, la tecnica, i limiti e le opportunità della messa in scena, l’orizzonte sociale, artistico e politico, la finzione e la vita - agli imprevedibili e sempre complessi incroci dei venti creativi e compositivi.

 

Focus 2: Scrivere con gli attori – Bruno Stori
(1 incontro a marzo 1 incontro ad aprile - online)

 Due interventi sull'analisi del percorso creativo di due spettacoli in particolare: "Con la bambola in tasca" e "Siamo qui riuniti o della democrazia imperfetta". Il primo si rivolge al pubblico dell'infanzia dai 4 ai 6 anni, mentre "Siamo qui riuniti" è dedicato agli adolescenti dai 13 ai 16 anni. Tutti e due gli spettacoli, pur partendo da presupposti diversi, sono il frutto di una scrittura di scena: "Con la bambola in tasca" è stato creato a partire dalla fiaba di Afanasjev "Vassillissa la bella" mentre "Siamo qui riuniti" è frutto di una drammaturgia originale mutuata da letture  di saggi filosofici e storici, in particolare"Politica per un figlio" di Savater.

 

Costo
Euro 250 + Iva 22%

 

Info e iscrizioni

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Compila il form di iscrizione

Posti limitati